Le Marmorelle

Una Terra piena di storia

La superficie totale coltivata ad uliveto è di circa 11 ettari con oltre 2400 ulivi secolari delle varietà Leccino, Frantoio Moraiolo, Carboncella, Rosciola e Itrana che circondano la cantina di vinificazione e il Fruttaio dove avvengono le degustazioni

Sotto la tenuta passa l’antico Acquedotto Claudio e ci sono numerose grotte

Qui sono stati ritrovati numerosissimi reperti tra cui una bellissima iscrizione greca che ne descrive il luogo come sacro alle Muse.

Come ci tramanda Frontino, queste terre già all’epoca erano rinomate per i loro vini

Ettari
11
Ulivi
2400
Varietà
Leccino, Frantoio, Moraiolo, Carboncella, Rosciola e Itrana

Le Marmorelle

La Zona dei Castelli Romani

zone

La tenuta di altissima importanza storico culturale, è situato in una particolare posizione geografica, in una zona classica dei Castelli Romani, tra i margini della cinta craterica del vulcano laziale (spina dorsale delle doc Castellane) e Roma.

DSC01851

La Zona

I Dintorni

Dai vigneti di Marmorelle che sorgono tra i 200 ed i 230 metri di altitudine si vedono arroccati e suggestivi tanti paesi romani (Montecompatri, Rocca Priora, Colonna, Monteporzio, Tivoli, Sant’Angelo Romano, Monte Celio etc.)  e di fronte c’è la magnificenza di Roma talmente vicina da poter scorgere la cupola di San Pietro.

Un terreno fertile

Le Condizioni Climatiche

Marmorelle è un posto meraviglioso, una culla di olivi e vigneti, che possiede caratteristiche pedologiche e climatiche particolarmente vantaggiose per la coltivazione della vite. Il clima è particolarmente mite con inverni raramente rigidi, mentre l’estate il caldo è mitigato dai venti marini.

ingresso marmorelle cancello

Un terreno fertile

La Natura Vulcanica

La natura vulcanica ed il chimismo, prettamente alcalino-potassico, dei terreni presenti nell’area rendono il suolo particolarmente fertile. Questo è dovuto all’elevato contenuto di potassio, magnesio, sodio e zolfo unitamente alla struttura porosa dei terreni che permettono il passaggio dell’aria e favoriscono i processi di ossidazione della sostanza organica.

Le grandi cave romane di Basalto

A testimonianza della natura vulcanica dell’area sono le grandi cave romane di basalto, ancora in attività, che confinano con i vigneti di Marmorelle. Il basalto (la lava del vulcano) era ed è utilizzato per la realizzazione dei basamenti stradali romani (sanpietrino). Inoltre nella zona si estrae una particolare roccia grigia compatta (peperino) localmente detta sperone.

Ospitalità

Qui è possibile ricevere i nostri ospiti per degustazioni durante la settimana!